Avrai bisogno di una nuova app per aprire questo collegamento windowsdefender – Problema antivirus windows 10/11

“Avrai bisogno di una nuova app per aprire questo collegamento windows defender” è il popup di windows che vi si apre dopo aver installato un software Microsoft privo di licenza come ad esempio Office per windows con l’utilizzo di patch KMS non proprietaria.Questo errore di windows può risultare anche quando l’installazione di windows defender o del sistema operativo in uso (windows 10/11),  non è stato installato correttamente.Questo blocco comporta il blocco dell’app Antivirus proprietaria di Microsoft Windows Defender, se volete ripristinare windows defender provate a :

  • fare un ripristino del sistema;
  • eliminare il KMS di Office (compratevi una licenza ESD Office originale di questi tempi è un costo irrisorio) e riavviare il sistema.

se non riuscite nei due modi a ripristinare windows defender in tal caso , aprite il terminale Powershell con i permessi admin, nel ricerca di windows 10/11 cercate powershell e sulla ricerca cliccate con il tasto destro del mouse su  “esegui come amministratore”.

Una volta aperto il terminale di Powershell digitate quanto segue:

Get-AppxPackage Microsoft.SecHealthUI -AllUsers | Reset-AppxPackage

 

e poi date invio.

Dopo il comando di invio l’applicazione di Windows Defender dovrebbe tornare in esecuzione regolarmente.

Smartphone come web cam il suo nome è DROIDCAM

Smartphone come web cam è possibile oggi tramite un app, questa app permette di utilizzare il vostro smartphone come una web cam usb o wifi. La potenzialità di quest’app è quella di sfruttare a pieno l’hardware del vostro smartphone utilizzando i due dispositivi, la digital camera e il microfono incorporato. L’ app e il software si chiama Droidcam e viene utilizzato per trasformare qualsiasi dispositivo android e IOS in una digital camera. Droidcam è molto pratica quando si è sprovvisti di webcam e si vuole utilizzare i programmi come: Skype, Zoom e Meet di Google. Il software è disponibile sia per Windows che per Linux, nel caso dei dispositivi mobile l’app è presente su Google Play e su App Store. Recuperate un vostro vecchio dispositivo android e trasformatelo in una web cam con Droidcam.Questa è la procedura di installazione, recatevi sul sito web dev47apps , effettuate il download del Client di Windows o nel caso vi troviate su un pc con distro Linux.

Per gli utenti Windows

Nel caso di windows effettuate il download del client:

ed installatelo sul vostro pc, prendete ora lo smartphone ed installate l’applicazione Droidcam dal Google Play

una volta installata l’applicazione accedete con il vostro smartphone in wifi sulla stessa rete dove è presente il vostro Pc o notebook, una volta attivato il wifi e lanciata l’applicazione sarà visualizzata come segue in figura

l’applicazione vi segnalerà l’indirizzo IP del vostro Smartphone nella rete, lanciate il client droidcam cliccando sull’icona del vostro desktop , una volta lanciato il client, inserite nel riquadro evidenziato in rosso l’IP del vostro smartphone e la porta utilizzata, per azionare la webcam e il microfono cliccate su START.Per utilizzare la camera frontale del vostro smartphone andate in impostazioni dell’app e selezionate la camera frontale. Se volete utilizzare su windows il cavo usb dovete attivare il debug usb nelle opzioni da sviluppatore del vostro smartphone. La versione Pro dell’app Droidcam permette di ruotare la camera, correggere la luminosità, effettuare lo zoom e il mirroring, la versione free invece vi farà utilizzare solo la webcam e il microfono, comprando un supporto da tavolo per smartphone avete modo di sfruttare al meglio la vostra webcam scegliendo la posizione e l’orientamento.

Per gli utenti Linux

Nel caso vi troviate su una distro Linux Mint, Ubuntu e derivate seguite questa procedura:

Aprite il terminale e digitate quanto segue
sudo apt-get install linux-headers-uname -r

 

Per PC a 32 bit (x86)

get https://www.dev47apps.com/files/600/droidcam-32bit.tar.bz2

tar xjf droidcam-32bit.tar.bz2


cd droidcam-32bit/


sudo ./install

 

Per PC a 64 bit (x64)

wget https://www.dev47apps.com/files/600/droidcam-64bit.tar.bz2

tar xjf droidcam-64bit.tar.bz2


cd droidcam-64bit/


sudo ./install

 

Creiamo ora un Launcher

nano ~/.local/share/applications/droidcam.desktop

 

ed inseriamo il codice sotto
[Desktop Entry]

Version=1.0


Type=Application


Terminal=false


Name=DroidCam


Exec=droidcam


Comment=Use your Android phone as a wireless webcam or an IP Cam!


Icon=droidcam


Categories=GNOME;GTK;Video;


Name[it]=droidcam

Se volete utilizzare la porta USB su linux, anche in questo caso dovete attivare nelle opzioni da sviluppatore del vostro smartphone il debug USB e procedere alla sguente installazione, aprite di nuovo il terminale e digitate:
sudo apt-get install adb

infine se volete testare la connessione USB con il vostro smartphone
adb devices

GDPR e Sistemi Operativi

L’arrivo del nuovo GDPR introdotto il 25 maggio 2018, offre la possibilità di adeguarsi alla legge EU 2016 /679 e di aggiornarsi ad un nuovo computer e sistema operativo, per quello che concerne la sicurezza dei dati e della privacy. Non sempre è opportuno  affermare che coincidono i due casi di cambiare computer e sistema operativo per avere un sistema veloce, affidabile e sicuro sotto l’aspetto della privacy, molti pc con processore dual core o quad core intel e socket 775, possono essere del tutto funzionanti in quanto non hanno ancora terminato il loro ciclo di vita e pronti per una loro successiva rottamazione. Questi computer con socket 775,  non solo permettono di avere un sistema installato con windows 10, ma hanno la possibilità di avere un sistema fluido e veloce  con distro Linux perfettamente funzionanti ( Ubuntu , Linux Mint e derivate) e in in perfetta sintonia alle nuove direttive della privacy.

Windows XP è stato dismesso nel 2014, Windows 7 e derivati come Windows Starter terminato  nel 2015, infine  il 9 Gennaio 2018 è terminato il supporto anche per Windows 8.1, queste date determinano da parte della Microsoft che non rilascerà più aggiornamenti mainstream per il miglioramento di questi  sistemi operativi.

Un computer non aggiornato è esposto a rischi quali:

  • vulnerabilità del sistema;
  • violazione dei dati e di conseguenza alla privacy dei dati;
  • virus;
  • sicurezza del sistema stesso.

L’unico e attuale aggiornamento adeguato alla privacy per i sistemi windows  è quella di windows 10, rilasciata come aggiornamento il 10 aprile 2018. Utilizzare un sistema perfettamente funzionante e fluido con windows 10 oggi, che sia un desktop o un notebook, necessita almeno di 8Gb di ram per funzionare nella norma e con tutti i servizi attivi di default, quindi se avete un computer datato e la scheda madre con 4 slot di memoria e supporta 8gb di ram, la vostra macchina è idonea per funzionare con windows 10. Se invece non avete la possibilità di espandere la memoria ram al vostro pc o notebook con almeno 8 gb di ram, optate per un sistema con distro Linux Mint o Ubuntu in alternativa a Windows 10 come sistema operativo del vostro pc. Le distro Linux rispetto ai sistemi Windows utilizzano meno risorse, vengono continuamente aggiornate, sono sicuri sotto l’aspetto virus e sono in linea con la sicurezza della privacy della legge EU 2016 / 679.

Problema connessione wifi sui notebook con scheda Atheros

Il problema connessione wifi sui notebook è diventato negli ultimi aggiornamenti di windows 10 molto più frequente, dopo aver aggiornato windows 10 può capitare che la scheda wifi del vostro notebook termina di funzionare, questo problema è dovuto da parte di windows, a non riconoscere l’indirizzo fisico dell’hardware ovvero il MAC ADDRESS del WIFI, problema dovuto anche in quei notebook dove i driver della scheda wifi sono molto datati e non si adeguano alle direttive del Sistema Operativo. Per ovviare a questo problema possiamo impostare il mac address manualmente in modo tale che windows all’avvio trovi subito il nostro dispositivo.Prima di iniziare a impostare la nostra scheda Atheros, dobbiamo trovare l’indirizzo mac address della scheda wifi, procediamo in questo modo:

Problema connessione wifi

Nella ricerca di cortana digitiamo cmd e selezioniamo in alto della ricerca Prompt dei comandi. Una volta aperto il prompt dei comandi la schermata si presenterà come in figura seguente.

digitiamo ora al prompt dei comandi

ipconfig /all

troviamo ora il mac address della nostra scheda

Individuato il Mac Address ora non ci resta che impostarlo nella scheda del dispositivo. Apriamo gestione dispositivi cliccando con il tasto destro del mouse sulla proprietà dell’icona Questo computer, troviamo la nostra scheda wifi e clicchiamo con il tasto sinistro del mouse due volte per aprire le proprietà della scheda. Una volta aperta la Proprietà della scheda , la finestra ha una serie di tab in alto, clicchiamo sul tab Avanzate e copiamo in Network Address il mac address omettendo i trattini (-) come in figura seguente. Inserito la cifra alfa numerica di 12 (tra caratteri e numeri ) dare Ok e riavviare il notebook. Al riavvio del sistema operativo di Windows 10, l’indicatore della scheda wifi non presenterà più l’errore con un triangolo giallo. Dopo aver eseguito queste istruzioni in tutti i suoi step, la scheda del nostro dispositivo wifi tornerà a funzionare, in definitiva il nostro problema connessione wifi è stato risolto.

Shortcut un video editor semplice per il montaggio video

shortcutShortcut è un video editor avanzato open source per Linux, Mac e Windows, questo video editor rende molto semplice il montaggio video sul pc. L’interfaccia grafica è molto chiara ed intuitiva, supporta molti file multimediali, inoltre è idoneo nel montaggio video 4k. Nonostante questo editor non costi nulla, è possibile installare questo software su tutti i sistemi operativi Linux, Mac e Windows. Se state cercando un video editor per windows 10 che sostituisca il Windows Movie Maker,  Shortcut è la soluzione. In pochi passaggi è possibile tagliare, inserire effetti, applicare i filtri ed esportare il file video nel formato preferito.L’importazione dei file in Shortcut, è molto semplice, tramite drag and drop (trascina e rilascia) è possibile inserire il video in timeline.La timeline è simile come tutti i video editor e si ha modo di creare più tracce video e audio per facilitare l’unione dei file multimediali. Non è possibile avere l’anteprima di una clip dopo aver applicato un filtro. ma è possibile rimuovere il filtro e ripartire daccapo.Shortcut permette di creare video anche con l’inserimento di foto ed immagini con le seguenti estensioni BMP, GIF, JPEG, PNG, SVG, TGA, TIFF. Difficile da criticare questo video editor, gli sviluppatori hanno implementato numerose funzionalità dei più blasonati video editor (avid, premiere, edius, lightworks). Il manuale utente è in inglese, l’interfaccia grafica del software invece lo trovate in italiano, sono state create guide in francese, tedesco e spagnolo.Non scoraggiatevi nel momento in cui Shortcut si presenti con interfaccia in inglese, tutti i video editor anche di quelli più famosi si sono adeguati negli anni ad avere il software in multilingua. Ora tramite Shortcut è possibile creare filmati anche dalle clip girate con gli smartphone. E’ un software potentissimo utilizzato da molte web tv e freelance, naturalmente essendo un software giovane non mancano gli aggiornamenti per correggere i bug. Il supporto di shortcut offre agli utenti strumenti come FAQ e Forum per chiedere informazioni sul software, sono presenti anche tutorial in inglese per capire le funzionalità di Shortcut.Per effettuare il download di questo software, visitate il sito ufficiale e cliccate sulla pagina download.

Requisiti minimi per Shortcut:
Sistema Operativo: windows 7 – 10 64bit -Apple OS X 10.8 – 10.10, Linux  64-bit Linux con glibc 2.13.
CPU o Processore: x86-64 Intel o AMD; almeno 2 GHz core per SD (definizione Standard), 2 core per HD (alta definizione), e 4 core per 4K.
GPU Scheda grafica: Che lavora correttamente ed è compatibile con OpenGL 2.0 . Su Windows è possibile avere una scheda che sia compatibile con le DirectX 9 o 11 come driver.
RAM: Almeno 4 GB per SD, 8 GB per HD, e 16 GB per lavorare con video a 4K.
Hard Disk: Almeno 1 tb a 7200 rpm.